Il copyright ora è difeso da Pixsy.com

For ENGLISH version follow this link: http://www.morenogeremetta.it/gallerie/copyright-pixsy-photography/

Pixsy combatte a fianco dei fotografi la battaglia contro chi ruba le fotografie a scopo commerciale.

Pubblicare o non pubblicare una foto?

Sarà capitato a tutti di vedersi rubare una foto. Se siamo abituati ad utilizzare il web e in particolar modo i social network per promuovere la nostra attività di fotografi o semplicemente per mostrare al mondo le nostre immagini, spesso ci chiediamo se continuare a farlo o meno. Pubblichiamo comunque con la consapevolezza che il rischio di vedersi rubare il lavoro da persone che non rispettano o non conoscono nemmeno le norme che regolano il diritto d’autore è sempre all’orizzonte. Però è un vero peccato non poter sfruttare lo strumento più potente che sia stato fino ad oggi inventato per entrare in contatto con il mondo, ovvero il web, saremo tagliati fuori da una parte di persone che non vedranno mai i nostri lavori.

In alcuni paesi il diritto d’autore è scritto solo sulla carta, in altri è qualcosa di più concreto ma ci sarà ancora da lavorare, in altri ancora è una regola ferrea che esiste e viene fatta rispettare.

L’anno scorso mi soffermai su un nuovo servizio lanciato proprio per aiutare i fotografi nella dura battaglia contro chi usa senza autorizzazione a scopo commerciale fotografie protette dal diritto d’ autore e mai concesse in licenza: Pixsy.com

Innanzitutto devo dire che il motore di ricerca integrato nella piattaforma Pixsy è incredibile, molto superiore a qualsiasi motore di ricerca inversa di immagini. Cosa significa?

A noi sarà sufficiente dire a Pixsy dove trovare le nostre fotografie: nei portfolio on line che abbiamo ad esempio sul nostro sito web oppure sulle piattaforme di 500px, Flickr, Flickr, PhotoDeck, Photoshelter, Tumblr, EyeEm, Instagram e SmugMug, oppure ancora sul nostro Dropbox, Google Drive Verranno quindi visualizzate molte immagini regolarmente caricate da voi, tutte le immagini che avrete concesso in licenza d’uso e ne siete consapevoli, ma spesso troverete immagini vostre non autorizzate, e se questo utilizzo viene fatto a scopo commerciale, dove il  profitto è ottenuto anche grazie ad una vostra fotografia la possibilità reale di far valere i propri diritti si sta concretizzando.

L’attrezzatura fotografica costa molto, oltre a ciò l’impegno economico per gli spostamenti magari in luoghi lontani, lo studio della luce alla ricerca dei momenti migliori in cui fotografare, le ore di sonno perse, la fatica per raggiungere gli angoli migliori, eventuali workshop fatti per affinare la tecnica fotografica e le proprie conoscenze, tutti elementi che contribuiscono a dare valore al vostro file che non si traduce solo in una manciata di pixel dietro ad un click, è la VOSTRA fotografia e solo voi potete decidere come utilizzarla e se permettere ad altri di utilizzarla commercialmente di solito dietro un giusto compenso che siate o meno fotografi professionisti.

Fresh snow over the clouds

http://500px.com/photo/18129983

Nel caso specifico mi capita di trovare una mia immagine scattata sulle Dolomiti ed utilizzata in un altro continente per promuovere pacchetti viaggio in queste splendide montagne. Al di là del fatto che vedere una mia immagine utilizzata per questo scopo mi abbia reso orgoglioso e a suo tempo pensai “su migliaia di fotografie, proprio la mia!” dopo qualche minuto di riflessione cliccai sul tasto [$ submit case] , perchè qui qualcuno stava guadagnando soldi alle mie spalle, con una mia immagine e senza avermi nemmeno contattato.

Completare i campi successivi fu molto semplice, le informazioni richieste sono molto precise ma se voi siete gli autori di quello scatto, non avrete certo difficoltà a dare tutte le info richieste.

I contatti con la persona che si occupò del caso in seguito furono molto semplici e cordiali, prima la richiesta di alcune informazioni più specifiche, seguirono poi tutti gli aggiornamenti sullo sviluppo della vicenda.

Un mese fa circa fui informato della disponibilità della controparte a stipulare un accordo.

Pochi giorni fa scaricando la posta trovo un messaggio di Pixsy, il testo diceva:

“Dear Moreno,

Congratulations! We’re pleased to inform you that xxxxxxxxxxx has paid for the use of the photo, “Fresh Snow Over The Clouds”. Your royalty earned is USD x,xxx.xx. We’ll send payment via PayPal within the next 30 days.”

Finalmente il giusto compenso per il mio lavoro è arrivato, la giustizia dei fotografi ha trionfato e senza Pixsy questo non sarebbe mai potuto accadere, o almeno non in modo cosi facile, il mio guadagno sarà sufficiente per una bella vacanza con la famiglia, naturalmente in una nuova località da fotografare!

Il pagamento è arrivato in brevissimo tempo ed ora io so di poter continuare a pubblicare le mie immagini sul web!

 

Pixsy royalties

Ad esempio su 500px nella didascalia aggiungo sempre la dicitura “Protected with Pisxy”, ma se ciò non bastasse a mettere in guardia i “furboni del web” so che in caso di furto di un’ immagine un buon affare potrebbe essere dietro l’angolo!

Grazie Pixsy:  http://www.pixsy.com/